ANPI Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Associazione NazionalePartigiani d'Italia

Fiamme Verdi

Le Brigate Fiamme Verdi sono formazioni partigiane di ispirazione cattolica, talvolta direttamente guidate dalla Democrazia Cristiana - nata dalle ceneri del Partito Popolare nel 1942-, come in Emilia.

Particolarmente diffuse in Emilia e Lombardia, in altre regioni assumono il nome di Brigate del popolo, oppure di Brigate Osoppo.

Le formazioni di orientamento cattolico hanno in genere un atteggiamento prudente, sia nei confronti della popolazione che degli avversari, per evitare inutili rappresaglie. Verso le altre formazioni partigiane dimostrano un atteggiamento collaborativo.

Con la denominazione 'Fiamme Verdi' nascono in alternativa ai gruppi di ispirazione comunista - con cui spesso hanno differenti punti di vista all’interno dei rispettivi CNL provinciali -, per iniziativa di Gastone Franchetti, nome di battaglia ‘Fieramosca’,  che da Riva del Garda inizia la resistenza con una piccola brigata di giovani.
Franchetti, che verrà catturato per delazione e successivamente fucilato dai Tedeschi a Bolzano nell’agosto del  1944, è un tenente degli Alpini, corpo a cui si ispira per il nome della brigata. Nella Grande Guerra infatti operava il III Reparto d’Assalto ‘Fiamme Verdi’.


Nel Corpo dei Volontari della Libertà, che organizza la Resistenza, la DC fondata da Alcide De Gasperi è rappresentata da Enrico Mattei, il quale, tramite le ‘Fiamme Verdi’, cerca di portare sotto le bandiere del suo partito le molte formazioni "autonome" che animano la Resistenza.

link permanente a questa pagina: http://anpi.it/a247/