Dai Fasci italiani di combattimento al regime fascista > Manifesto dei Fasci italiani di combattimento

Italia e ventennio fascista

27 Dicembre 2010 — aggiornato il 5 Febbraio 2016

Altri articoli in questa sezione

  • Italo Balbo

    Nato a Quartesana (Ferrara) il 6 giugno 1896, morto a Tobruk il 28 giugno 1940. Negli anni delle origini del fascismo fu certamente uno dei massimi rappresentanti, insieme a Roberto ...
  • Michele Bianchi

    Nato a Belmonte Calabro (Cosenza) il 22 luglio 1883, morto a Roma il 3 febbraio 1930 L'irrequieta gioventù socialista di Michele Bianchi si trasforma nella folgorante carriera di un gerarca ...
  • Guido Buffarini Guidi

    Nato a Pisa il 17 agosto 1895, fucilato a Milano il 10 luglio 1945 Partecipa alla guerra del 1915-18 trascorrendo quattro anni al fronte, raggiungendo il grado di capitano e ...
  • Emilio De Bono

    Nato a Cassano d'Adda (Milano) il 19 marzo 1866, morto a Verona l'11 gennaio 1944 Dopo l'accademia e la scuola di guerra, è volontario in Eritrea nel 1887-1888, partecipa alla ...
  • Cesare Maria De Vecchi

    Nato a Casale Monferrato (Alessandria) il 14 novembre 1884, morto a Roma il 23 giugno 1959. Avvocato e laureato anche in lettere e filosofia, non disdegna, divenuto fervente fascista, di ...
  • Rodolfo Graziani

    Nato a Filettino (Frosinone) l'11 agosto 1882, morto a Roma l'11 gennaio 1955. Militare di carriera, raggiunge il grado di maresciallo d'Italia, ma si distingue più per i crimini di ...
  • Alessandro Pavolini

    Nato a Firenze il 27 settembre 1903, fucilato a Dongo (Como) il 28 aprile 1945. Appartiene, con Buffarini Guidi, al "granducato di Toscana", come viene chiamato dagli stessi fascisti il ...
  • Renato Ricci

    Nato a Carrara il 1° giugno 1896, morto a Roma il 22 gennaio 1956. Figlio di un cavatore di marmo, riesce a conseguire il diploma di ragioniere per poi arruolarsi ...
  • Augusto Turati

    Nato a Parma il 16 aprile 1888, morto a Roma il 27 agosto 1955. Rispetto ad altre personalità del regime, Augusto Turati aderisce al movimento fascista relativamente tardi, tra 1920 ...
  • Le segreterie generali del Partito nazionale fascista

    Benito Mussolini non ebbe mai cariche – va rilevata l'anomalia – di alcun tipo all'interno del Partito nazionale fascista. Ciononostante, fu sempre il capo reale del partito, e per tutto ...
Indice generale di Storia del fascismo