ANPI Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Associazione NazionalePartigiani d'Italia

Un voto antifascista per guardare avanti

Ci siamo. Il 24 e il 25 la parola passa alle urne. Che cosa diranno saremo noi a stabilirlo. Con il nostro voto. Che, come sempre,  soggettivamente, rappresenterà, insieme, una speranza e una preoccupazione.

Ma, si sa, le elezioni sono un gioco di squadra. L'individuo declina un desiderio, la collettività lo sancisce o lo nega, a maggioranza.
E' la democrazia, appunto. Che come cantava Gaber è innanzitutto partecipazione.

Già, nessun voto vada disperso. L'Anpi il suo appello lo ha lanciato chiaro e forte. Un voto per rigenerare un Paese sfiduciato, confuso, stressato. In una sola parola in crisi. Non solo economica, anche d'identità.

Un voto per quella democrazia vera che non può nutrirsi di spot fasulli che, anzi, la intossicano. Un voto per dare forza a quell'antifascismo che è l'architrave della nostra Repubblica, quella nata dalla resistenza.

No, non credete a chi per strappare un voto dice che dopo tanti anni ormai tutto è cambiato, che bisogna guardare avanti non indietro. Attenti a chi lo dice perchè sono proprio loro che guardano a quel passato, che hanno tentato in tutti i modi di recuperare, di truccarlo, con l'obietttivo, come si dice oggi, di “sdoganarlo”.

Quel passato invece - non dimentichiamolo mai - rievoca una storia drammatica e disperata del nostro Paese: un Italia senza libertà, con le leggi razziali, con centinaia di migliaia di giovani mandati a morire in guerre ingiuste, con una popolazione civile stremata dalla fame, dalle distruzioni, dai lutti.

In realtà, sono proprio loro, i finti quanto interessati “modernisti”,  che guardano all'indietro.  Chi crede nei valori della libertà e della democrazia guardava avanti allora e guarda avanti oggi.

Sia chiaro, riconoscere quanti pensano con la testa girata all'indietro non è difficile. C'è chi ha preso una netta posizione antifascista e chi no. Guardate chi ha sottoscritto l'appello dell'Anpi e troverete una risposta. Bersani, Vendola, Ingroia, lo hanno fatto.

Non ci troverete nè Berlusconi, nè Maroni, nè La Russa. Nè Monti. E nemmeno Beppe Grillo.

Mi. Urb.



link permanente a questa pagina: http://anpi.it/a893/