Un parlamentare è libero di fare campagna per il SÌ, anche se iscritto all'ANPI. Deve solo evitare di esibirlo. E finiamola con questa storia dei cacciati che semplicemente non esiste se non come provocazione

11 Novembre 2016